Come gestire efficacemente lo spazio morto

Unodei modi migliori per favorire la guarigione di una lesione cronica è gestire lo spazio morto tra il letto di lesione e la medicazione. Nel trattare lo spazio morto, i tuoi obiettivi dovrebbero essere:1

  • ottenere un ambiente umido per la guarigione della lesione;
  • rimuovere gli accumuli di essudato dal letto di lesione;
  • evitare che l'essudato fuoriesca sulla cute perilesionale;
  • ridurre il rischio di sviluppo di biofilm;
  • ridurre il rischio di infezione.

 

La scelta della corretta medicazione è la chiave per raggiungere questi obiettivi.

Scegliere la giusta medicazione

Lericerche dimostrano che il modo migliore per garantire un ambiente di guarigione ottimale è scegliere la medicazione giusta. Una medicazione efficace dovrebbe conformarsi al letto della lesione, chiudendo lo spazio tra la lesione e la medicazione.2 Dovrebbe inoltre essere in grado di assorbire rapidamente l'essudato e di mantenerlo all'interno della medicazione, in modo da evitare che questo si disperda sulla cute circostante.

Quando si guarda alla capacità di assorbimento di una medicazione, bisogna assicurarsi che possa assorbire il liquido quando si trova in posizione verticale. Inoltre, la medicazione dovrebbe essere capace di rimanere in posizione a lungo, ma allo stesso tempo di essere facilmente rimossa all'occorrenza.1, 3, 4

Cosa guardare in una medicazione

Una medicazione efficace dovrebbe: 1

  • conformarsi al letto della lesione;
  • avere proprietà antimicrobiche;
  • assorbire l'essudato in eccesso dal letto di lesione;
  • proteggere i bordi della lesione e la cute perilesionale;
  • mantenere un ambiente di guarigione umido.
  • essere confortevole
  • essere facilmente gestibilie e rimovibile per il paziente

Quando cambiare la medicazione e cosa guardare

Cometrattato nella sezione precedente sulla valutazione dello spazio morto, bisognerebbe effettuare una valutazione completa della lesione cronica di un paziente almeno una volta alla settimana. Ad ogni valutazione in genere si cambia anche la medicazione.

 

Quando si cambia la medicazione, si dovrebbe:1

  • misurare la profondità, la larghezza e la lunghezza della lesione;
  • valutare la lesione per trovare eventuali segni di infezione;
  • valutare l'essudato della lesione (quantità, colore, odore e consistenza);
  • valutare se la medicazione attuale soddisfa gli obiettivi clinici prefissati per il paziente.

 

Si dovrebbe esaminare la medicazione due volte, prima e dopo averla rimossa. Questo ti aiuterà a capire se la medicazione è adeguata e ad esaminare l'essudato.2

Se si sospetta un'infezione, si dovrebbe considerare l'utilizzo di una medicazione con componenti antimicrobici, come l'argento.4

Ricorda sempre che una gestione efficace delle lesioni non riguarda solamente quest'ultima. Quando incontri il tuo paziente per cambiare la medicazione e controllare la ferita, dovresti dunque anche valutare le sue condizioni di salute e il suo benessere generale.

Gli scenari piĆ¹ comuni a seguito di una rivalutazione della medicazione

Riferimenti
  1. Keast, David H. et al. Managing the gap to promote healing in chronic wounds – an international consensus. Wounds International 2020. Vol 11, issue 3
  2. World Union of Wound Healing Societies (WUWHS) Consensus Document. Wound exudate: effective assessment and management. Wounds International, 2019
  3. Dowsett et al. (2020). Closing the gap between the evidence and clinical practice – a consensus report on exudate management (11(3)) (def. exudate pooling)
  4. Adderly, U.J (2010) Managing wound exudate and promoting healing